Acque detox: prepariamoci all’arrivo dell’estate

acqua

 

L’arrivo della nuova stagione, soprattutto della stagione estiva, porta sempre voglia di sperimentare e soprattutto di colorare le giornate anche a partire dalla tavola. Un valido alleato in questo caso è l’acqua che, sicuramente aiuta a dissetarci nelle calde giornate ma oltre ad essere un’ottima fonte dissetante, può diventare un vero e proprio ingrediente per ricette salutari e totalmente bio. Parliamo in questo caso delle cosiddette acque detox. Sono delle acque aromatizzate alla frutta, bevande rinfrescanti ricche di vitamine che costituiscono anche un ottimo rimedio naturale per contribuire alla depurazione dell’organismo. Svolgono quindi:

–          Azione rinfrescante

–          Azione vitaminica (ricche di vitamine e sali minerali)

–          Azione depurativa (ricche di antiossidanti naturali)

Vediamone insieme alcune:

–          Acqua aromatizzata alla barbabietola: in 1 o 2 litri di acqua mettiamo una barbabietola, una manciata di foglie di menta e il succo di un limone. Conservare in frigo dalle 12 alle 24 ore prima di servire. La barbabietola e il succo di limone sono molto indicati per la depurazione del fegato per l’azione disinfettante del limone, ricco di vitamina C e per l’azione anti-anemica della barbabietola, ricca di ferro.

–          Acqua aromatizzata alle mele e arance: in 1 o 2 litri di acqua poniamo due o tre arance a tocchetti e tre mele. Usate frutta bio in modo da poter utilizzare la frutta senza doverla sbucciare. Le mele e le arance contengono pectina, una fibra che aiuta l’organismo a liberarsi dai metalli pesanti e va a favorire l’evacuazione delle feci.

–          Acqua aromatizzata ai cetrioli, limone e menta: in 2 litri di acqua immergiamo un cetriolo medio, un limone, una manciata di foglie di menta e un pezzetto di zenzero. Lo zenzero e il cetriolo favoriscono la digestione e la diuresi.

–          Acqua aromatizzata alle fragole: utilizziamo dieci fragole e qualche spicchio di limone in 1 o 2 litri di acqua fresca. Le fragole sono ricche di zuccheri, quindi estremamente energizzanti e vitaminiche. Dopo averla lasciata in frigo per 12-24 ore, è possibile allontanare le fragole e usarle per una bella macedonia.

–          Acqua aromatizzata ai lamponi, kiwi e pesche: in 1 o 1,5 litri di acqua tagliamo un kiwi, una pesca, dieci lamponi. Quest’acqua è benefica per la pelle, in particolare in caso di acne e di allergie.

–          Acqua aromatizzata alle arance e mirtilli: utilizziamo due arance o due mandarini con una manciata di mirtilli in 1 o 1,5 litri di acqua fresca. Per intensificare il sapore si può anche aggiungere del succo di arancia. I mirtilli sono benefici per il tratto urinario, quindi sono consigliabili anche in caso di cistiti.

E’ vero che l’arrivo dell’estate ci rendi più propensi a preparare queste ricette, ma perché non pensare di utilizzarle anche in autunno o inverno utilizzando frutta e verdura di stagione? Per stare in forma dobbiamo mangiare meglio ma soprattutto bere meglio!

 

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

Dott.ssa Lucia D'Anzi
Informazioni su Dott.ssa Lucia D'Anzi 68 Articles
Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).

Sei il primo a commentare

Lascia un messaggio

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*