Donne e la menopausa

donne e la menopausa

Il periodo della menopausa è l’ennesimo evento a cui la donna viene esposta durante la sua vita. Esso viene affrontato da tutte in maniera unica e personale e si tratta di un periodo estremamente importante. Dobbiamo innanzitutto sottolineare che questo non è “l’ultimo stadio”, “l’ultima fase” ma bensì è un nuovo inizio, una nuova vita più bella e soddisfacente durante la quale la donna deve impegnarsi ancora di più per la sua salute. Entrare in menopausa, però, per alcune donne non è un’esperienza facile perché comporta una serie di sintomi che comprendono instabilità emotiva, tendenza all’aumento di peso, aumentata fragilità alle ossa… La buona notizia è che alcuni sintomi possono essere contrastati con l’alimentazione e con buone norme comportamentali. Perché l’alimentazione sembra assumere questo ruolo così importante? Perché in menopausa la richiesta di energia e di specifici nutrienti cambia sensibilmente in seguito alle modificazioni ormonali e quindi si rende necessario il consumo di alcuni alimenti (ad esempio quelli meno grassi e più ricchi di calcio e vitamine) e magari arricchire la razione normale con delle supplementazioni: è questo il caso di calcio e vitamina D. Gli estrogeni vegetali contenuti nella soia e i suoi derivati possono contribuire a ridurre i disturbi della menopausa. La soia è un alleato per le donne, soprattutto in questa fase della vita in quanto contribuisce a favorire il colesterolo buono, contiene isoflavoni che agiscono come antiossidanti inibendo la produzione di radicali liberi che inducono l’invecchiamento e le patologie degenerative di organi e tessuti. Per chi non ama la soia ci sono altri alimenti ugualmente importanti come i semi di lino, i semi di zucca, di girasole, il sedano e i fagiolini. Frutta e verdura contengono buone quantità di potassio e ridotte quantità di sodio ed è proprio una alimentazione più povera di sodio e più ricca di potassio quella indicata per ottenere una migliore conservazione del calcio nelle ossa. Sicuramente c’è da sottolineare che con la menopausa tende ad aumentare il rischio di problemi cardiovascolari, oltre che di osteoporosi quindi è bene non esagerare con latte e formaggi interi, nonostante il loro alto contenuto in calcio; è meglio preferire latte scremato e formaggi freschi con meno contenuto in grassi. Spazio a condimenti leggeri e salutari come olio extravergine di oliva, a crudo, e succo di limone. Via libera anche a tutte le spezie ed erbe aromatiche. Non dimenticarsi mai di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno che, assunta con una adeguata quantità di fibre, aiuta il corretto transito intestinale e protegge dalla secchezza delle mucose vaginali a seguito della diminuzione degli estrogeni tipica della menopausa. Il sovrappeso, l’obesità, la sedentarietà, la stitichezza, il fumo di sigaretta e l’abuso di alcol rappresentano importanti fattori di rischio, per questo motivo non dimentichiamoci di praticare una maggiore attività fisica.

 

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

Dott.ssa Lucia D'Anzi
Informazioni su Dott.ssa Lucia D'Anzi 68 Articles
Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).

Sei il primo a commentare

Lascia un messaggio

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*