L’aglio e le sue proprietà

aglio

Da sempre l’uomo ha cercato rimedi naturali alle proprie malattie indagando su ciò che la natura poteva offrirgli… con il passare del tempo, studi e ricerche scientifiche hanno confermato che molte delle ‘credenze popolari’ sono fondate e, molti medicinali contengono  proprio i principi attivi delle erbe medicinali. Man mano si è andati ad indagare sulle proprietà oltre che sugli usi di vari alimenti e piante utilizzandoli non solo come alimenti in sé ma anche come fitoterapici. Un esempio può essere rappresentato dall’aglio, bulbo utilizzato in quanto tale in cucina, ma anche in infusi per la prevenzione di alcune condizioni. Intensamente coltivato in tutta Italia ne esistono diverse varietà; in genere si usano i bulbi che, dopo essere stati raccolti, vengono fatti asciugare al sole e conservati in mazzi. Oltre all’utilizzo dell’aglio come condimento in diversi piatti, il suo largo utilizzo anche a livello fitoterapico dipende dal fatto che è molto ricco di vitamine ed è uno dei più potenti battericidi naturali, è antisettico, stimola il cuore e facilita la circolazione e la depurazione del sangue. Per queste sue caratteristiche può essere utilizzato come infuso o decotto per i dolori reumatici, per il catarro bronchiale, febbre, influenza e pressione alta. come uso esterno può essere utilizzato su calli e verruche e in decotto per i vermi intestinali. La tradizione popolare attribuiva all’aglio proprietà afrodisiache oltre che la capacità di tenere lontani i vampiri e la follia; era addirittura considerato un rimedio miracoloso anche in caso di malattie gravi quali il colera… ma tradizioni a parte, vediamo praticamente alcune ricette naturali che vedono l’aglio protagonista:

  • unguento di aglio: 10 spicchi di aglio e 1/2 bicchiere d’olio  d’oliva- ridurre in poltiglia gli spicchi di aglio, aggiungere l’olio d’oliva e mescolare energicamente. E’ utilizzabile nei dolori delle ossa e per fare massaggi; per ridurre calli e verruche si può applicare sulla parte interessata anche uno spicchio d’aglio schiacciato
  • decotto di aglio 1: 5 spicchi di aglio e 1 tazza di latte – sbucciare e schiacciare gli spicchi di aglio e farli bollire nel latte per 5 minuti. Bere una tazza al giorno di decotto come rimedio contro l’aterosclerosi
  • decotto di aglio 2: 30g di spicchi di aglio, 50g di olio di oliva e succo di 1/2 limone – schiacciare gli spicchi di aglio e mescolarli con l’olio di oliva caldo e succo di limone, massaggiare per 5 minuti la parte dolente e coprirla con un panno caldo per lenire i dolori reumatici
  • decotto di aglio 3: 4 spicchi di aglio e 250 ml di latte – frantumare gli spicchi di aglio e riporli nel latte per circa 2-3 minuti; lasciar intiepidire e filtrare. Si possono consumare due tazzine al giorno per favorire la circolazione e la purificazione del sangue

E’ piacevole ricamare del tempo per sè stessi… perché non utilizzare questo tempo per sperimentare e curarsi?

 

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

 

Dott.ssa Lucia D'Anzi
Informazioni su Dott.ssa Lucia D'Anzi 68 Articles
Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).

Sei il primo a commentare

Lascia un messaggio

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*