La melagrana: frutto di stagione

melagrana

Continuando a parlare di frutta, passiamo ad un frutto di stagione dalle numerose qualità: la melagrana, frutto probabilmente di origine Persiana. Il suo nome deriva da granatum che significa pieno di grani… è citata nella Bibbia ed in molti miti compare come simbolo di fertilità; sembra che il profeta Maometto ne raccomandasse il consumo per controllare i desideri del corpo. Cresce nella maggior parte dei paesi tropicali adattandosi a diverse condizioni climatiche e di terreno, ma preferisce gli ambienti in cui l’inverno è molto rigido e l’estate calda. Il frutto presenta una scorza molto doppia non commestibile, di solito di color rosso brillante con all’interno una membrana bianca amara e anch’essa non commestibile che delimita e protegge tanti piccoli granuli rossi dalla polpa succosa e zuccherina oltre che molto rinfrescante. Questi granuli si consumano generalmente al naturale  ma non si esclude il loro utilizzo in altri modi: insaporiscono le macedonie, le insalate miste, zuppe, carne o pesce; molto spesso si consuma anche il succo che è molto dissetante. La melagrana va conservata a temperatura ambiente per qualche giorno oppure può essere tenuta in frigorifero se non si intende consumarla subito: si manterrà per circa tre settimane; è possibile congelarla eliminando la buccia esterna e conservando solo i semi. Durante l’acquisto scegliere un frutto grosso, pesante e con la scorza priva di ammaccature o scolorita e raggrinzita. E’ una buona fonte di potassio, contiene vitamina C e acido pantotenico oltre a contenere tracce di sodio. Il sapore acidulo è dovuto alla presenza di numerosi acidi organici, tra cui l’acido citrico. Non sempre, quando parliamo di frutta, intendiamo  alimenti che possono essere consumati solo come tali; i frutti in generale possono essere consumati sotto varie forme e abbinati a diversi cibi che assumono così un sapore fresco e particolare!

 

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

Dott.ssa Lucia D'Anzi
Informazioni su Dott.ssa Lucia D'Anzi 68 Articles
Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).

Sei il primo a commentare

Lascia un messaggio

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*