Zenzero: perché se ne parla tanto?

zenzero

Lo zenzero è ormai sotto i riflettori, tutti ne parlano e sembra abbia ormai trovato un posticino fisso nelle nostre credenze. Ma perché tutto questo clamore? Cos’è lo zenzero? Quali sono i suoi benefici per la salute?

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale

Lo zenzero o Ginger (Zingiber officinale) è una pianta perenne dell’Asia meridionale, che presenta un fusto sotterraneo formato da un rizoma ramificato, erroneamente definito radice, ricco di sostanze dalle spiccate proprietà, come i gingeroli (che danno il tipico sapore amaro e pungente), resine e mucillagini. Da esso si estraggono anche oli essenziali utilizzati in vari rimedi naturali.

Ha la forma di un tubero dai contorni irregolari. In commercio si trova in forma di radice fresca o essiccata, ridotta in polvere o in forma di estratto.

Dal sapore piccante e pungente (ad alcuni ricorda il peperoncino), lo zenzero è particolarmente apprezzato nella cucina orientale. Può essere usato per aromatizzare diverse pietanze, dai primi piatti, alle bevande, come tisane e drink, o anche biscotti e pane.

Ma non è per il suo largo impiego in cucina che ultimamente se ne parla così tanto. Lo zenzero infatti sembra avere delle vere proprietà curative. Vediamo quali sono.

E’ un antinfiammatorio naturale

Lo zenzero ha proprietà analgesiche e antidolorifiche, grazie alla sua capacità di inibire le prostaglandine pro-infiammatorie, causa di dolore ed infiammazione. Per questo motivo gli si attribuisce la capacità di alleviare i dolori causati da artrite reumatoide, dolori mestruali, mal di testa, e mal di gola. Inoltre, il potere riscaldante dello zenzero, unito alle sue capacità antinfiammatorie calma la tosse e il raffreddore e aiuta ad eliminare il muco dalle vie respiratorie.

Riduce e previene la nausea

Grazie alle sue proprietà, lo zenzero, sia quello fresco che quello secco, sono molto efficaci nel ridurre o prevenire nausea e vomito, soprattutto in caso di lunghi viaggi in nave, auto, autobus o aereo (non a caso i marinai cinesi utilizzano lo zenzero contro il mal di mare sin da tempi remoti), così come la nausea e il vomito post-operatori o post-trattamento con farmaci antitumorali.

Migliora la digestione

Masticare un pezzetto di zenzero fresco aiuta a stimolare la secrezione di saliva, aumentando la quantità di amilasi (enzima digestivo) prodotta. Inoltre le proprietà benefiche dello zenzero aiutano a calmare lo stomaco, a rilassare i muscoli gastrointestinali e a prevenire la formazione di gas e di gonfiori. La polvere di zenzero per uso orale è infatti in grado di stimolare i normali movimenti peristaltici di stomaco ed intestino.

Ha proprietà antiaggreganti

Sembra che lo zenzero tra le tante sue proprietà abbia anche quella di inibire l’aggregazione piastrinica, quindi attenzione, le persone che assumono farmaci anticoagulanti dovrebbero assumerlo con cautela e dopo aver consultato il medico.

Inoltre lo zenzero sembra avere: un’azione protettiva sul cuore e sul sistema cardiovascolare, un’azione protettiva sul fegato, proprietà antitumorali, antimicrobiche e antibiotiche.

Insomma, forse non sbaglia chi lo definisce “una spezia miracolosa”?

 

Dott.ssa Carmen Pagano

 

Dott.ssa Carmen Pagano
Informazioni su Dott.ssa Carmen Pagano 30 Articles
Laureata nel 2014 all’Università degli Studi di Napoli “Federico II” in Biologia. Nel mio percorso di studio ho indirizzato la mia formazione verso la Nutrizione, da sempre la mia passione, con un curriculum specifico che comprendeva discipline come la fisiologia, fisiologia della Nutrizione, biochimica della nutrizione, microbiologia degli alimenti, regolazione del peso corporeo, dietetica, nutrizione avanzata, nutrizione applicata e chimica degli alimenti. Dopo la laurea ho svolto attività di ricerca ottenendo pubblicazioni su varie riviste scientifiche. Perfezionata durante il corso di studi in “Nutrizione Ottimale” e in “Igiene e tecnologie degli alimenti”, attualmente svolgo l’attività di Biologa Nutrizionista, dopo aver conseguito l’abilitazione all’esercizio professionale nel 2015.

Sei il primo a commentare

Lascia un messaggio

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*